24 Ottobre 2020
Politica Economica In primo piano INVESTITORI

Commerzbank consiglia di vendere BTP. Un ricatto della Germania in vista del Consiglio Europeo?

La prossima riunione del Consiglio Europeo dovrà decidere sulle misure economiche straordinarie da mettere in atto in UE e, soprattutto, definire la partita tra i sostenitori del MES ed il fronte degli stati favorevoli ai c.d. coronabond.

E’ notizia di ieri che gli analisti di Commerzbank (coordinati da Michael Leister, responsabile Strategia tassi) stiano suggerendo ai clienti di vendere le posizioni in BTP, dal momento che il rapporto debito-PIL italiano si avvicinerà pericolosamente al 150% nel 2020 (per poi scendere al 145% nel 2022), e questo comporterà probabilmente un downgrade dei titoli di stato, da parte delle società di rating, a livello “spazzatura” (in gergo “junk”).

A prima vista, sembrerebbe la classica indiscrezione su un documento riservato della seconda banca tedesca che, in totale autonomia, avrebbe svolto il proprio lavoro di consulenza agli investitori, ma così non deve essere stato, perchè il fatto ha scatenato le ire – più che legittime – del vice ministro dello Sviluppo Economico Stefano Buffagni, il quale, a caldo su Facebook, ha tuonato “In piena emergenza coronavirus, in piena pandemia mondiale, mentre l’Italia piange oltre 10.000 morti, la Germania non solo fa muro da settimane sugli aiuti all’Italia, ma ora secondo l’autorevole agenzia internazionale Bloomberg ci attacca anche direttamente invitando a vendere i Titoli di Stato italiani tramite la seconda banca di Germania, la Commerzbank, posseduta al 15% proprio dallo Stato tedesco… Questa notizia può provocare danni economici giganteschi, il governo tedesco intervenga subito per bloccare questa follia”.

Come dargli torto? Oggettivamente, dopo l’uscita della Lagarde (su imbeccata tedesca) che ha causato il famoso -16,92% alla borsa italiana lo scorso 12 Marzo, alle gaffe ed alle indiscrezioni “in buona fede” non crediamo più. Si tratterebbe, invece, di un volgarissimo ricatto indirizzato dalla Germania all’Italia, con la complicità di Commerzbank, in vista della prossima riunione del Consiglio Europeo in cui si dovranno decidere le misure economiche straordinarie da mettere in atto in UE e, soprattutto, definire la partita tra i sostenitori del MES (Germania, Olanda e Danimarca) ed il fronte degli stati favorevoli ai c.d. coronabond (Italia e paesi del Sud Europa, più probabilmente la Francia).

LEGGI ANCHE: Unione Europea, il conto alla rovescia per la sua eutanasia è appena cominciato

E mentre nel nostro Paese non si sprecano le reazioni (Elio Lannutti dei cinquestelle ricorda che Commerzbank, prima di consigliare di vendere i BTP, dovrebbe guardare al proprio bilancio pieno zeppo, come quello di Deutsche Bank, di titoli-spazzatura che non hanno alcun mercato), è ormai chiaro che in Europa si combatte una battaglia diplomatica fatta di colpi bassi inaccettabili (ma non nuovi contro l’Italia) in queste particolari circostanze, che rendono incerta la continuità dell’Unione Europea allorquando, una volta risolto il problema del virus che adesso “addormenta” qualunque visione del futuro, i leader europei si troveranno di nuovo seduti allo stesso tavolo, ma disgregati dall’astio generato dalla mancanza di solidarietà della “cricca” nord-europea, e pronti alla resa dei conti.

Il mercato, negli ultimi quattro giorni di borsa, ha regalato l’aumento dello spread Bund-BTP, passato da 165 a 205 nonostante le aspettative di liquidità che arriverà copiosa dal nuovo QE. In pratica, qualcuno sta già vendendo a man bassa le sue posizioni lunghe e, non potendolo più fare allo scoperto, deve necessariamente vendere dal proprio portafoglio. Commerzbank, secondo le stime, è esposta per circa 9,5 miliardi sui BTP; pertanto, se ne consiglia la vendita ai propri clienti, è lecito pensare che lo stia già facendo per conto suo, liberandosi gradualmente del “fardello”.

Che tutto questo possa avvenire in autonomia, senza che i vertici della banca tedesca abbiano preavvisato la Merkel, è pura fantasia.

Related Posts

Lascia un commento