23 Ottobre 2020
In primo piano INVESTITORI ADVISOR

Offerta di Rame in contrazione. Zeygos: domanda globale e prezzi previsti in crescita

Secondo il report di Zeygos, il rame ha pagato lo scotto della difficile condizione degli ultimi mesi. Tuttavia, in Cina la situazione ha repentinamente mostrato un cauto ottimismo a seguito della ripresa delle attività, con la conseguente richiesta di oro rosso da parte di specifici settori industriali e dell’edilizia cinese.

Il ritrovamento di un pendente risalente a circa diecimila anni fa in Iraq, presso una grotta dei monti Zagros, rende l’idea dell’importanza storica dell’oro rosso, sino ad arrivare ai giorni nostri. In epoca contemporanea il rame è utilizzato non solo dal punto di vista industriale per le sue eccellenti proprietà come la conducibilità elettrica, conduttività termica, attitudine alla giunzione, ottima resistenza alla corrosione, ma è al centro dell’attenzione anche nel campo dell’arte contemporanea; celebri i lavori commissionati ai fratelli Arnaldo e Giò Pomodoro.

Il Rame è citato più volte in letteratura; famoso è il libro scritto da Primo Levi dal titolo “La chiave a stella” (Premio Strega 1978), romanzo attraverso il quale l’autore racconta le qualità e le caratteristiche del Rame.

Al netto delle divagazioni, la performance del rame avvenuta negli ultimi mesi è evidente a partire da aprile. Il Copper Future, quotato al Comex del New York Mercantile Exchange, dopo aver toccato il supporto storico del 2016 in area 1,980 dollari per libbra, ha iniziato una risalita costante, determinando un aumento dei volumi che hanno calamitato il prezzo fino ai 3 dollari. Analogo andamento al London Metal Exchange. Proprio questo livello, pertanto, rappresenta una resistenza interessante che, se superata, può alimentare ulteriori acquisti ed una ripresa delle quotazioni fino a far salire il prezzo ai livelli visti tra la fine del 2017 e gli inizi del 2018 quando il rame ha testato i 3,3 dollari per libbra.

Molti gli interrogativi sulle prospettive di medio-lungo periodo. Prima dell’inizio della pandemia, la domanda di rame ha fornito dati molto interessanti, tali da rendere l’idea del percorso in crescita della suddetta materia prima. Da due anni a questa parte, già si prevedeva una crescita della domanda globale di rame. Un aumento da 23,6 milioni di tonnellate nel 2018 a 29,8 milioni di tonnellate entro il 2027, con una crescita annua del 2,6%. La costante diffusione dei veicoli elettrici, l’elevata domanda di accumulo energetico delle batterie, lo sviluppo di nuove tecnologie di trasmissione e la domanda di altre fonti di energia eco-compatibili, contribuiscono e continueranno ad implementare nel prossimo futuro l’effetto leva sull’aumento significativo della domanda di rame.

Siamo entrati in un periodo storico molto particolare che rischia di far riaccendere la luce rispetto a quello che è successo negli anni 2000, quando proprio la Cina a seguito di acquisti importanti fece rialzare fortemente il prezzo, impattando naturalmente sulle scorte e sull’approvvigionamento globale. In occasione della pandemia, il rame ha confermato il ruolo di anticipatore delle tendenze, poiché rappresenta la vera narrazione di ciò che è successo plasticamente nell’economia reale. La domanda di rame tende ad essere sensibile all’economia, perché è un materiale chiave nel settore delle costruzioni e nei beni di consumo come le automobili e l’elettronica. E non solo… Quando si assiste ad un rallentamento globale, la domanda per il rame segue lo stesso corso, influendo sul prezzo.

Da diverso tempo a questa parte, i produttori lottano per tenere il passo con la forte domanda in Cina. Le prospettive nel lungo termine sono altresì sostenute dalla mancanza di scoperte di nuove miniere, il che delinea un percorso irto di ostacoli, con la fornitura per il futuro certamente limitata. Secondo alcuni studi, in relazione alle nuove miniere intercettate dalle compagnie minerarie, bisogna pensare che ci vogliono almeno 20 anni prima che le stesse possano essere messe in produzione. Questo ciclo significa che la fornitura di minerale di rame sarà molto preoccupante nei prossimi 15-20 anni ed il prezzo del minerale di rame aumenterà.

Secondo il report di Zeygos, dal lato dell’offerta i paesi della Cordigliera delle Ande hanno sempre avuto un peso influente sulla produzione, basti pensare che il Cile estrae circa 5 milioni di tonnellate all’anno. La sola miniera Escondida (teatro di importanti scioperi negli ultimi anni che hanno influito sul prezzo del rame) riesce a garantire un milione di tonnellate annuali. Anche la causa della drastica riduzione dell’estrazione e quindi dell’offerta, al fine di proteggere i lavoratori dai contagi del virus, ha contribuito alla crescita del prezzo sino ai 3 dollari per libbra. Un livello che non si intercettava dall’aprile dello scorso anno. Molte miniere si sono fermate durante il periodo della pandemia.

Per rendere l’idea del clima vissuto in alcuni dei principali paesi produttori di rame, i contraccolpi della pandemia continuano a farsi sentire. Addirittura di recente è stato presentato un piano da parte di alcuni membri del parlamento cileno con l’intento di vendere la Codelco, cioè la più importante azienda di rame al mondo. L’obiettivo è quello di fare cassa e di finanziare le perdite subite durante il periodo di lockdown. La pandemia non ha solo frenato le prospettive di crescita della domanda ma ha impattato direttamente sull’economia interna di un Paese le cui entrate dipendono molto dalla produzione di rame. Nel Paese sudamericano il 15% del Pil e metà delle esportazioni dipendono dall’industria estrattiva.

In conclusione, la crescita del prezzo ha delle basi molto solide. La serie di tutti gli elementi sopra citati, affiancati dalle misure di stimolo all’economia, dagli incentivi all’acquisto delle auto elettriche, dagli aiuti al settore industriale da parte della Cina, dal dollaro debole che incide sulla riduzione del costo di una libbra di rame, senza tralasciare anche il piano infrastrutturale degli Stati Uniti ed il Recovery Plan, determinano una prospettiva orientata all’ottimismo.

Related Posts

Lascia un commento