Settembre 20, 2021

Ethenea: l’inflazione rimarrà contenuta e le politiche espansive non si interromperanno

Secondo Andrea Siviero, le banche centrali tollereranno le impennate temporanee e manterranno la loro politica espansiva, mentre vaccini e stimoli fiscali favoriscono i titoli correlati con l’accelerazione della crescita. L’aumento dei rendimenti statunitensi potrebbe rafforzare il dollaro.

“Quando la pandemia di Covid-19 si è abbattuta sull’economia mondiale, l’inflazione non era ancora tornata ai livelli pre-crisi del decennio scorso”, spiega Andrea Siviero, Investment strategist di Ethenea Independent Investors. “Nella corso della prima metà del 2021, l’inflazione tenderà a salire nelle economie sviluppate, sospinta in particolare dal rincaro dei prezzi energetici e delle materie prime, da strozzature sul fronte dell’offerta e da un effetto base positivo e raggiungerà l’apice nel secondo trimestre di quest’anno. Tuttavia, nel complesso, l’aumento dei prezzi dovrebbe rimanere contenuto nel prossimo futuro, considerati l’output gap negativo, cioè il divario che persiste tra produzione effettiva e produzione potenziale, gli ostacoli dovuti a forze strutturali, quali demografia, globalizzazione e tecnologia, e il crescente squilibrio tra risparmi e investimenti”.

Poiché attualmente l’inflazione viaggia al di sotto del livello obiettivo – continua Siviero – probabilmente le banche centrali delle economie sviluppate ignoreranno le impennate temporanee e manterranno la loro politica espansiva per un periodo più lungo. Ci troviamo, infatti, in un contesto reflazionistico, caratterizzato da una ripresa congiunturale dopo una fase di contrazione: questo comporta anche un graduale ritorno della produzione e dell’inflazione ai trend di lungo periodo, ma è cosa ben diversa rispetto a un contesto inflazionistico, che è legato a un graduale aumento generalizzato dei prezzi in periodi di pieno utilizzo delle capacità produttive.

Nella situazione attuale, una politica macroeconomica favorevole e prezzi in moderato aumento sono elementi positivi per i mercati azionari e per gli asset rischiosi in generale. Infatti, i più importanti indici azionari sono saliti del 75% circa rispetto ai minimi di marzo 2020, raggiungendo nuovi massimi a marzo di quest’anno.

Il rally è stato trainato dalla massiccia liquidità immessa nel sistema dalle banche centrali e dalle migliori prospettive economiche. L’elezione di Joe Biden, le prospettive di ulteriori stimoli fiscali negli Usa e lo sviluppo di vaccini anti-Covid-19 hanno rafforzato la dinamica reflazionistica, innescando il cosiddetto reflation trade. Esso tende a dare impulso ai titoli che presentano una correlazione con l’accelerazione della crescita economica e di norma favorisce una rotazione verso le aree maggiormente penalizzate durante la recessione. I mercati azionari e delle materie prime tendono così a generare risultati migliori rispetto ad altri mercati, i listini azionari dei paesi emergenti di regola sovraperformano quelli delle economie sviluppate, mentre le small cap e i settori ciclici battono le large cap e i titoli growth.

In una fase reflazionistica, le prospettive di crescita e l’aumento delle aspettative di inflazione spingono poi verso l’alto i rendimenti dei titoli di Stato e favoriscono i titoli high yield rispetto a quelli investment grade. Le fasi di ripresa e di reflazione cicliche tendono inoltre a essere accompagnate da un indebolimento delle valute rifugio (che generalmente comprendono il dollaro Usa, lo yen giapponese e il franco svizzero), poiché gli investimenti si dirigono verso le regioni con migliori prospettive di crescita e tassi più alti.

Con il passare del tempo, uno scenario reflazionistico comporta anche rischi per i mercati finanziari e il rialzo dei rendimenti è attualmente considerato uno dei maggiori rischi in questo senso. Un aumento prolungato e sostanzioso dei tassi statunitensi a lungo termine potrebbe pregiudicare la ripresa congiunturale appena iniziata, fermare il rialzo del mercato e annullare il reflation trade. Inoltre, il rischio di un aumento dei rendimenti statunitensi potrebbe rafforzare il dollaro Usa, reindirizzando verso gli Stati Uniti i flussi di capitali diretti nei paesi emergenti.

Sebbene il contesto reflazionistico resti intatto, i margini di ulteriori guadagni per gli asset rischiosi si sono ridotti. “Crediamo comunque che il reflation trade che accompagna la ripresa ciclica non abbia ancora esaurito il suo potenziale”, conclude Siviero. “Il rialzo dei rendimenti a lungo termine è espressione di un netto miglioramento delle prospettive di crescita globali. Inoltre, il supporto politico senza precedenti rende questa ripresa meno sensibile all’andamento dei tassi rispetto ai cicli precedenti. Bisogna poi considerare che l’inflazione resterà probabilmente contenuta, e che le banche centrali manterranno il loro orientamento estremamente espansivo per un periodo prolungato”.

Related Posts

Lascia un commento