Settembre 28, 2022

Finanza alternativa, le PMI italiane incassano 4,23 miliardi

Secondo quanto emerso dai dati riportati nel Report di Innexta, le risorse messe a disposizione dal credito bancario alla finanza alternativa delle PMI sono cresciute del 58% tra il 2020 ed il 2021. I mercati del private equity e venture capital tornano ai valori pre-Covid.

Le risorse mobilitate tra luglio 2020 e giugno 2021 dal credito bancario al mercato della finanza alternativa per le PMI sono state di circa € 4,23 miliardi, con una crescita del 58% rispetto ai dati pubblicati lo scorso anno. Questo è quanto emerso dai dati riportati nel quarto Report sulla Finanza Alternativa per le PMI esaminato nel corso dell’edizione 2021 dell’Alt-Finance Day organizzato da Innexta* in collaborazione con School of Management del Politecnico di Milano, Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi e Unioncamere Nazionale. 

La ricerca è stata redatta con l’obiettivo di analizzare il mercato della finanza alternativa o “complementare” al credito bancario per le PMI, ed è stata presentata il 29 novembre 2021 presso il campus Bovisa del Politecnico di Milano. “I dati confermano che la finanza alternativa ormai esce dall’incubatore e gioca alla pari con gli strumenti finanziari tradizionali” ha commentato il Direttore generale di  Innexta Danilo Maiocchi. Per il Segretario Generale della Camera di Milano Monza Brianza Lodi, Elena Vasco, “Con Alt-Finance Day vogliamo ribadire l’impegno in questo ambito, ampliando la nostra offerta dei servizi fintech, il cui mercato, nonostante la crisi innescata dal Covid nel 2020, ha raddoppiato il proprio valore nel corso del 2021″.

I mercati del private equity e venture capital tornano ai valori pre-Covid, confermandosi i maggiori canali alternativi al credito bancario per le PMI italiane. Segue l’invoice trading che, nonostante un lieve arretramento registrato nel primo semestre 2021, legato ai ritardi nei depositi dei bilanci 2020 e dall’uscita dal mercato di alcune piattaforme, registra un incremento del 7,5% rispetto al 2020. Crescono anche il mercato dei minibond, con un aumento del 17% rispetto allo scorso anno, e quello del crowdfunding, in particolare il lending, con un incremento del 73% rispetto allo scorso anno. 

Nel Report una novità per l’ambito del direct lending, che da quest’anno considera i portali che erogano credito su Internet attingendo esclusivamente da investitori professionali, per cui i dati non risultano comparabili con quelli presentati lo scorso anno: il trend del settore è comunque positivo, con una crescita raddoppiata rispetto al primo semestre 2020. Ai minimi il flusso di ICOs (Initial Coin Offerings), dove non sono state condotte operazioni significative da team italiani, mentre si affermano i collocamenti di NFT (Non Fungible Tokens). La raccolta che le PMI hanno effettuato sul mercato borsistico, in particolare su Euronext Growth Milan, erede di AIM Italia, è aumentata del 66% rispetto al periodo precedente.

* Innexta è la struttura di riferimento del sistema camerale in ambito finanziario e creditizio per le PMI italiane.

Related Posts

Lascia un commento