Ottobre 3, 2022

Deutsche Bank: il 2022 anno di transizione. Dieci temi “caldi”, sull’onda del cambiamento

Nel 2022 l’inflazione e le banche centrali saranno al centro dell’attenzione, in un anno in cui la politica della BCE inizierà a cambiare marcia, e le altre banche centrali inizieranno a seguire la linea della Fed sull’inasprimento.

di Christian Nolting

Nel 2022 ci saranno molti cambiamenti rispetto al regime in corso, soprattutto in termini di inflazione, clima, geopolitica e tecnologia. Tutto questo creerà un ambiente in cui dovrebbe essere evitato il compiacimento intorno a qualsiasi scenario “di base”. La pandemia, infatti, ci ha già dimostrato che le soluzioni complete e rapide a problemi complessi sono rare, per cui dovremmo considerare il 2022 come un anno di transizione, che consentirà agli investitori di posizionare i portafogli in vista delle sfide future.

Christian Nolting

Del resto, la ripresa economica dai minimi di metà 2020 non è mai stata del tutto semplice, ed ha richiesto alti livelli di sostegno alla politica monetaria e fiscale. Il mondo è cambiato negli ultimi due anni, e molte economie stanno ancora lottando per riadattarsi. Gli alti tassi di inflazione sono un sintomo importante di questo processo di riaggiustamento, e riflettono in larga misura un disallineamento tra la ripresa della domanda e dell’offerta, come è possibile vedere nell’interruzione della produzione globale e delle catene di approvvigionamento (ma anche nei mercati del lavoro). Tuttavia la correzione di tali discrepanze non fermerà il processo di cambiamento, poichè l’economia mondiale è un luogo dinamico.

Parafrasando ciò che si suppone abbia detto l’antico filosofo greco Eraclito, è impossibile entrare due volte nello stesso fiume. Il fiume è diverso e anche tu come persona sei diverso. Il “fiume” dell’inflazione cambia sempre con driver diversi; allo stesso modo stanno cambiando anche le aspettative di inflazione.

Il cambiamento comporta che un’efficace gestione del rischio deve essere integrata da considerazioni a lungo termine sugli obiettivi e sulla composizione del portafoglio: è necessario pensare in modo strutturale, piuttosto che reattivo, e rifarsi ad alcune componenti essenziali in questa ottica. Innanzitutto, questo è un momento importante per concentrarsi sull’asset allocation strategica, dal momento che l’utilizzo del market timing attorno a processi di cambiamento così complessi non sarà sufficiente: un’efficace allocazione strategica degli asset probabilmente si dimostrerà una fonte molto più efficace e affidabile di rendimenti a lungo termine.

Questo potrebbe anche essere un ambiente di investimento meno stabile di quanto sembri a prima vista. Infatti, la “repressione finanziaria” (tassi di interesse reali artificialmente bassi o negativi) è chiaramente destinata a durare per qualche tempo a venire, ma al punto in cui ci troviamo anche variazioni relativamente piccole dei tassi di interesse possono avere importanti effetti diretti e indiretti sulle classi di attività. Inoltre, non dovremmo presumere che un’allocazione di attività molto tradizionale (ad esempio la classica allocazione di azioni/obbligazioni 60/40) funzionerà bene, e saranno necessari approcci più sofisticati. In particolare, le questioni ambientali ed ESG in senso più ampio (inclusi gli aspetti sociali e di governance) diventeranno ancora più importanti per i portafogli.

Le questioni ambientali sono ora saldamente al centro della scena politica globale, e le implicazioni per gli investitori vanno ben oltre i tassi di inflazione più elevati: il passaggio a un’economia a emissioni zero creerà anche molte opportunità interessanti. Il 2022 dovrebbe essere visto come un anno di transizione poiché l’ambiente economico e di investimento globale si evolve alla ricerca di una nuova realtà. Agire ora sull’asset allocation strategica e sui fattori ESG nei portafogli dovrebbe aiutare a catturare questo processo di cambiamento. Dieci sono i temi per il 2022.

Politica: condividere i dolori – La competizione per il commercio e le risorse naturali continua con questioni ambientali e anche la ridistribuzione delle risorse all’interno delle economie importanti.
Economia: tema caldo – I forti tassi di crescita nel 2021 probabilmente saranno seguiti solo da una leggera moderazione nel 2022. Ma questa sarà una ripresa sottilmente differenziata, con implicazioni per diverse classi di attività.
Asia: l’occhio della tigre – Il dinamismo economico della regione creerà un entusiasmante 2022 dopo un difficile 2021. È probabile che la stabilizzazione economica cinese trarrà vantaggio da molte risorse regionali e la crescita indiana dovrebbe essere forte.

Inflazione: il rinoceronte nella stanza – Gli aumenti dei prezzi sono un problema serio, sono già dirompenti e contengono una serie di rischi a lungo termine. È improbabile che torniamo a un regime di inflazione ultra-bassa.
Politica monetaria: timori crepuscolari – L’elevata inflazione crea molteplici problemi per le banche centrali e una politica reattiva potrebbe ulteriormente turbare i mercati. La probabile aggressività delle banche centrali non dovrebbe essere sopravvalutata.
Reddito fisso: sabbie mobili – La volatilità indotta dal cambiamento di politica può mettere in discussione il ruolo del reddito fisso nei portafogli. Alcuni mercati saranno ben supportati, ma bisogna essere consapevoli dei rischi.

Azioni: rendimenti realistici – Le prospettive della classe di attività sembrano ancora generalmente positive, ma i rendimenti potrebbero essere inferiori rispetto al 2021. Le rotazioni cicliche e geografiche nel corso del 2022 potrebbero avere un impatto.
Materie prime: crescita del Green – La volatilità dei prezzi delle materie prime potrebbe diminuire man mano che le pressioni sulla riapertura economica si attenuano. Creare le infrastrutture green potrebbe aumentare la domanda di energia e di alcuni prodotti industriali.

Immobiliare: ancora in costruzione – Il settore offre un certo margine per ulteriori guadagni, ma la differenziazione settoriale e geografica è importante. I costi dei materiali e della manodopera possono influire sull’offerta in alcuni mercati.
Forex: la macro contano – Le preoccupazioni per l’inflazione negli Stati Uniti e le probabili risposte politiche hanno fatto salire l’USD. Ma altre politiche e fondamentali macro potrebbero iniziare a lavorare contro la valuta nel 2022.

* Global Chief Investment Officer, Deutsche Bank Private Bank (Dec. 14, 2021)

Related Posts

Lascia un commento