Maggio 26, 2022

Aste immobiliari, settore in ripresa e in profonda trasformazione

Secondo Luca Olivieri, quasi il 90% degli incanti parte da un valore base inferiore ad Euro 250.000, per cui è evidente che la presenza fisica sul territorio sia determinante per la pubblicizzazione e l’assistenza ai potenziali acquirenti.

“Il mercato delle aste giudiziarie immobiliari in Italia sta vivendo un periodo di profondo mutamento. Tale trasformazione è dovuta a differenti dinamiche di domanda e offerta e alle recenti riforme che hanno agevolato i processi di partecipazione alle aste. In questo contesto, i dati delle aste sono molto incoraggianti e confermano una significativa ripresa rispetto al 2020. Osserviamo, in particolar modo, come i servizi di prossimità che offriamo a creditori e potenziali acquirenti tramite le reti a cui ci appoggiamo siano stati il fattore determinante per il successo delle strategie”, afferma Luca Olivieri, Amministratore Delegato RES Credit Management, società partecipata dal Gruppo Tecnocasa.

Nonostante un primo trimestre 2021 caratterizzato da molteplici rinvii dovuti alle misure per contrastare la pandemia, il mercato ha visto un’accelerazione nella schedulazione degli incanti a partire da maggio, portando il consuntivo ad una chiusura d’anno con un aumento degli incanti di circa il 56% (ca. 184.000 aste per 126.000 lotti) rispetto al 2020, sebbene ancora al di sotto delle attese. “Il rallentamento tendenziale degli incanti celebrati da tribunali e professionisti delegati, rispetto al 2019 – prosegue Olivieri – è stato comunque bilanciato da un significativo aumento delle aggiudicazioni: +41% rispetto al 2019 e + 81% rispetto al 2020, frutto di politiche di vivacizzazione e pubblicizzazione molto mirate messe in campo dagli agenti locali. Riteniamo quindi che le statistiche aggregate pubblicate periodicamente da molti operatori vadano prese con relativa cautela, visto che l’interpretazione dei dati non è semplice”.

A livello di mercato complessivo, quasi il 90% degli incanti parte da un valore base inferiore ad euro 250.000, ed è pertanto evidente che la presenza fisica sul territorio sia determinante per l’implementazione di strategie mirate di pubblicizzazione e di assistenza ai potenziali acquirenti, insieme ad idonee attività di marketing messe in campo su tutto il territorio nazionale e su qualunque tipologia di immobili“In conclusione, – spiega l’AD di RES – stiamo assistendo ad un’istituzionalizzazione nel mercato delle aste. Osserviamo strategie più complesse da parte dei creditori, una maggiore attenzione da parte del mercato immobiliare al canale aste ed un’elevata differenziazione delle performance sulla base delle strategie adottate. In questo contesto è prevedibile attendersi che tale trend continui, e che nei prossimi 12/18 mesi sarà cruciale essere ben posizionati per soddisfare le nuove esigenze del mercato che ci aspettiamo relativamente volatile in risposta alle dinamiche dei tassi di interesse e al trend della domanda aggregata in risposta all’aumento dell’inflazione”.

Related Posts

Lascia un commento