Agosto 15, 2022

Deutsche Bank e Cassa Depositi e Prestiti attive nei fondi di Venture Capital

Con i fondi di Venture Capital, gli investitori professionali e retail hanno l’opportunità di accedere nel settore delle aziende emergenti di tutto il mondo. L’Europa tra i principali attori tecnologici dell’economia globale.

Secondo una ricerca pubblicata dal Chief Investment Office di Deutsche Bank nel settembre 2021, nel secondo trimestre dello stesso anno gli investimenti nel Venture Capital in Europa avevano raggiunto i 34 miliardi di USD, guidati in gran parte da imprese mature e c.d. unicorn. Nel 2020, il valore complessivo delle transazioni globali di Venture Capital aveva raggiunto i 330,2 miliardi di USD. La quota più ampia di mercato era detenuta dalle Americhe (52,8%), seguite da Asia (31,0%) ed Europa (15,7%). 

L’Europa oggi è posizionata tra i maggiori attori tecnologici globali, con un capitale investito pari a 100 miliardi di USD nel 2021 e circa 100 startup “unicorno”, e cioè startup che hanno raggiunto una valutazione di mercato che supera il miliardo di dollari senza essere però quotate in Borsa. Pertanto, le ombre gettate sull’economia mondiale dalla guerra russo-ucraina e, soprattutto, dall’inflazione elevata non sembrano aver bloccato lo sviluppo del Venture Capital e l’investimento in startup. Secondo il Rapporto di ricerca Venture Capital Monitor sulle operazioni di venture capital in Italia, infatti, nei primi sei mesi dell’anno sono state effettuate 172 operazioni di investimento per quasi un miliardo (957 milioni di euro), registrando un aumento del 12% rispetto all’anno scorso (+123% come ammontare investito complessivamente). Relativamente alle sole startup con sede in Italia, venture capital e corporate venture capital hanno investito 193 milioni di euro su 99 round, le attività di sindacato tra venture capital, corporate venture capital e business angel hanno fatto registrare investimenti pari a 765 milioni di euro su 62 operazioni e i soli business angel hanno investito 27 milioni in 18 round. Il totale di queste attività porta la filiera dell’early stage in Italia ad aver investito 985 milioni di euro su 179 round (erano 466 milioni su 167 round nel I semestre 2021).

Su questa scia, alcune tra le maggiori istituzioni finanziarie hanno comunicato al mercato la nascita di strumenti specifici. La Divisione International Private Bank (IPB) di Deutsche Bank ha annunciato l’estensione della sua proposta di soluzioni di investimento, dedicata sia agli investitori in possesso dei requisiti di cliente professionale che ai clienti al dettaglio (retail), di un fondo di fondi europeo di Venture Capital, a capitale non protetto e illiquido, distribuito in esclusiva dalla Divisione IPB di Deutsche Bank. Il fondo di DB è destinato a dare accesso a un portafoglio diversificato di aziende operanti nel settore tecnologico europeo e internazionale in fase “growth”, iniziale e intermedia, selezionate tramite fondi di investimento gestiti da cinque società di Venture Capital europee: Lake Star, Project A, HV Capital, Earlybird e Headline, le quali hanno sostenuto oltre 50 aziende operanti nel settore tecnologico a livello globale e alcuni tra i principali unicorn europei. Il fondo di fondi mira a fornire un’ampia copertura del mercato e punta a ridurre il rischio di concentrazione che potrebbe altrimenti verificarsi in un tipico investimento in Venture Capital o in un singolo fondo, nonchè a ridurre le barriere all’ingresso in termini di dimensioni minime degli investimenti.

Il gruppo Cassa Depositi e Prestiti (CDP), invece, ha annunciato di aver attivato il comparto Energy Tech del Fondo Corporate Partners I di CDP Venture Capital Sgr, il fondo multi-comparto di corporate venture capital nato per investire in startup impegnate nei settori dell’energia, dei servizi, della manifattura e delle infrastrutture, con l’obbiettivo di far crescere l’ecosistema venture italiano. Il comparto Energy Tech ha siglato il primo closing per un totale di 80 milioni di euro grazie alla partecipazione di alcune big company come Baker Hughes (azienda americana che a Firenze ha l’headquarter globale della divisione Turbomachinery & Process Solutions), Edison, Snam e Italgas. L’obiettivo del nuovo strumento finanziario di CDP è quello di investire in startup e PMI ad alto potenziale innovativo ed impegnate nella sfida della transizione energetica, promuovendone lo sviluppo in collaborazione con utility di rilievo.

 

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni contenute in questo articolo non costituiscono un’offerta o una sollecitazione all’investimento e non costituiscono una raccomandazione o consiglio, anche di carattere fiscale, o un’offerta, finalizzate all’investimento, e non devono in alcun caso essere interpretate come tali.Prima di ogni investimento, per una descrizione dettagliata delle caratteristiche, dei rischi e degli oneri connessi, si raccomanda di esaminare la documentazione fornita dalle fonti ufficiali e/o dagli organi di controllo che vigilano sulla commercializzazione in Italia, nonché la relazione annuale o semestrale e lo Statuto, disponibili presso i collocatori. Infatti, l’investimento in prodotti finanziari o in partecipazioni societarie è soggetto a fluttuazioni anche di grande entità, con conseguente variazione al rialzo o al ribasso dei prezzi e del valore dell’investimento, ed è possibile che non si riesca a recuperare l’importo originariamente investito.

Related Posts

Lascia un commento