Ottobre 3, 2022

Lavoro, le posizioni più ricercate dalle aziende. Chi cerca impiego vuole anche ampliare le proprie skills

Secondo Pasquale Abiuso, le aziende che offrono lavoro hanno una scarsa attrattività. “Il mercato del lavoro sta cambiando velocemente, ma molti imprenditori continuano a pensare alla retribuzione come criterio di valutazione principale.

Per chi è alla ricerca di nuove opportunità lavorative, è importante conoscere quali sono le Regioni di Italia che offrono il maggior numero di posizioni aperte. Dove è più facile trovare lavoro in Italia? Il sito annuncilavoro360 ha stilato la classifica delle 5 regioni migliori, e delle 5 peggiori, mettendo a disposizione i dati relativi agli annunci attivi. Se non sorprende vedere la Lombardia al primo posto, storicamente una delle regioni più operose e industrializzate d’Italia, vale la pena di guardare anche al resto della classifica per notare come alcuni territori siano in crescita e potrebbero quindi rivelarsi “a sorpresa” dei luoghi interessanti in cui cercare lavoro.

Sono Lombardia, Emilia Romagna e Veneto le prime tre regioni in classifica per numero di annunci di lavoro attivi (dati aggiornati al 4 agosto 2022). In dettaglio, si registrano 128.232 annunci in Lombardia dove le mansioni più richieste sono quelle di operaio, impiegato, magazziniere, autista, ingegnere. Invece, con 74.474 annunci l’Emilia Romagna si posiziona al secondo gradino del podio, e anche qui le ricerche più numerose sono per le figure di operaio, magazziniere, impiegato, ingegnere, autista. Il Veneto segue al terzo posto con 58.329 annunci, le professioni più richieste si confermano quelle di operaio, impiegato, magazziniere, logistica, autista.

La classifica prosegue con il Piemonte (45.794 annunci) e al quinto posto la Toscana (43.345 annunci). Per quanto riguarda le mansioni, in queste due regioni a quelle già citate si aggiungono anche quelle dell’addetto marketing e del promoter. In generale, i numeri mostrano come il divario tra Nord e Sud sia ancora molto marcato e risulti più facile trovare un impiego al Nord o Centro-Nord. Infatti, guardando alla parte più bassa della classifica la regione che risulta avere meno opportunità di lavoro aperte è la Basilicata, con 4.989 annunci attivi. Del resto, il territorio poco antropizzato e poco industrializzato non facilita il mondo del lavoro e il mercato occupazionale. Al Sud non mancano, tuttavia, le note positive: il Molise, con 5.177 annunci, pur collocandosi come la penultima regione italiana per annunci attivi e pur essendo la seconda regione più piccola del Paese dopo la Valle d’Aosta, ha registrato una crescita del 9% rispetto al mese precedente. Trend positivo anche per la Sardegna, che con 7.828 annunci segna un +4% sul mese precedente; qui le mansioni più richieste sono quelle di addetto marketing, cuoco, cameriere, autista, contabile, rispecchiando la natura fortemente votata al turismo e alla stagionalità del territorio. In posizione contraria al trend, anche al Nord non mancano le sorprese, sebbene siano in negativo: poche le posizioni aperte in Trentino Alto Adige/Sudtirolo (5.815 annunci) e in Umbria (7.998 annunci), entrambe regioni che risultano essere tra le peggiori 5 dello Stivale per chi cerca lavoro.

Uscendo fuori dalle statistiche, l’estate che si avvia alla conclusione verrà ricordata per le lamentele dei titolari di esercizi commerciali a causa della mancanza di candidati validi, e alla supposta preferenza verso il reddito di cittadinanza anziché verso il lavoro. Ma sono corrette le notizie riportate da alcuni media, e soprattutto questo fenomeno è davvero attribuibile alla politica assistenzialista del nostro Paese? Secondo il marketing coach Pasquale Abiuso*, il motivo principale risiede nella scarsa attrattività delle aziende che offrono lavoro. “Il mercato del lavoro sta cambiando velocemente, come ogni altro mercato. Molti imprenditori non riescono a essere in linea con queste trasformazioni e continuano a seguire un approccio old style, con annunci redatti pensando alla retribuzione come il criterio di valutazione principale per chi cerca lavoro”, afferma Abiuso. “In questo modo, si trascurano le altre esigenze dei lavoratori”.

L’analisi di Abiuso si concentra soprattutto sul settore Ho.Re.Ca., ossia sul mondo legato a consumi e somministrazione di cibi e bevande che non avvengono all’interno delle mura domestiche: “Ho” indica “Hospitality”, · “Re” sta per “Restaurant” e “Ca” ha due ambivalenti significati, ovvero “Cafè” o “Catering”. Ebbene, secondo una recente ricerca, gli italiani in cerca di impiego non effettuano le proprie scelte soltanto in base ai driver della retribuzione e dei benefit, poiché questi parametri risultano essere solo al terzo posto (Employer brand research 2022 di Randstad). “Soprattutto gli imprenditori tendono a considerare la forza lavoro come un numero – aggiunge Abiuso – e cercano risorse per colmare un ‘vuoto’ temporaneo. Il focus deve invece spostarsi sul valore reale percepito dal candidato, al di là del fattore economico”.

Come rendere più attrattiva una opportunità lavorativa e trovare la risorsa giusta, allora? La soluzione è offrire ai candidati un percorso di formazione per aumentare le loro skills, anche in caso di lavoro stagionale. “Una proposta è ritenuta più qualificante se prevede la possibilità di imparare: in un clima di incertezza, sapere di poter acquisire nuove competenze, spendibili anche altrove, è un elemento cruciale di scelta perché permette di pensare concretamente ad un piano di carriera. Oggi, nell’annuncio di ricerca, la possibilità di essere affiancati da tutor in un percorso formativo diventa un plus da mettere ben in evidenza” prosegue Abiuso. Secondo lo studio già citato, la crescita professionale è ritenuta “molto importante” per il 65% dei lavoratori dipendenti, percentuale che sale al 75% per coloro che hanno meno di 35 anni.

“Pertanto – conclude Pasquale Abiuso – riscontro la necessità di aumentare la consapevolezza nei titolari del loro ruolo diretto nel determinare l’attrattività di un’azienda e aumentare così la soddisfazione dei lavoratori. Un’impresa è veramente sana solo quando il clima aziendale è stimolante. Tutti noi, per esempio, vogliamo essere apprezzati nel nostro lavoro, qualunque esso sia. Ci piace essere sorpresi da apprezzamenti pubblici dai nostri responsabili, elogiati per qualcosa che abbiamo fatto bene. Questo ci motiva e ci porta a migliorare, compensando anche gli aspetti meno performanti del nostro ruolo. Migliorare è un modo per meritarci un nuovo apprezzamento. È importante ricordarsi sempre che è il capitale umano a creare il capitale economico.”

* Marketing coach, esperto di strategie di gestione aziendale

Related Posts

Lascia un commento