Febbraio 2, 2023

Siviero, ETHENEA: la crescita della Cina sarà sotto le aspettative

In Europa recessione quasi inevitabile nella seconda metà del 2023. In Usa la Fed sembra in grado di riportare l’inflazione sotto controllo, ma una recessione resta probabile.

“La politica accomodante cinese continuerà a stimolare la crescita, ma il debito eccessivo, la decrescita della domanda e le tensioni tra obiettivi economici e questioni di salute continueranno probabilmente a ostacolare la crescita per il resto dell’anno. L’Assemblea nazionale del popolo aveva annunciato un ambizioso obiettivo ufficiale di crescita del Pil del 5,5% per il 2022, ma i funzionari hanno già tacitamente riconosciuto che questo obiettivo non sarà raggiunto”, spiega Andrea Siviero, Investment strategist di Ethenea Independent Investors.

L’economia cinese è in rallentamento da tempo ed è frenata da inasprimenti normativi, ripetuti focolai di Covid e severi lockdown con chiusure di grandi zone economiche. Inoltre, il settore immobiliare è in profonda crisi, mostrando segnali di sovrainvestimenti e sovraindebitamento. Nonostante il forte sostegno della politica monetaria e fiscale per stimolare la crescita, i consumi interni in Cina sono deboli e la crescita del credito è bassa poiché le imprese e le famiglie restano pessimiste sulle prospettive economiche. Le tensioni geopolitiche con gli Stati Uniti su Taiwan sono un’ulteriore preoccupazione per la Cina così come per l’economia globale.

Diversa la situazione negli Stati Uniti, dove la Fed – secondo Siviero – sembra essere sulla buona strada per riportare l’inflazione sotto controllo e ottenere un margine di manovra politico. In questo modo, la Fed può ancora contare su un’economia e su livelli di occupazione solidi. Tuttavia, il ripristino della stabilità dei prezzi sarà quasi inevitabilmente accompagnato da un periodo prolungato di crescita più lenta e di maggiore disoccupazione. Ciò rende sempre più probabile una recessione. Da marzo, la Fed ha aumentato in più occasioni il tasso sui fondi federali per un totale di 3,25 punti percentuali e intende mantenere alti i tassi ufficiali per un lungo periodo, così da ridurre l’inflazione.

L’economia statunitense ha resistito bene alla pandemia grazie a un sostegno politico senza precedenti. L’inflazione è stata trainata principalmente dalla forte domanda aggregata e ha mostrato preoccupanti segnali di ampliamento e rafforzamento. La piena occupazione ha prevalso nel mercato del lavoro, i salari sono aumentati a un ritmo sano e il reddito personale e la spesa sono rimasti solidi nonostante la debole fiducia dei consumatori. In Europa, invece, l’inflazione record, che continua a crescere e a consolidarsi, è principalmente dovuta al forte aumento dei prezzi dell’energia e all’indebolimento dell’euro. La determinazione della Bce a riportare vigorosamente l’inflazione ai livelli target fa sembrare sempre più probabile una recessione nel 2023. Nonostante la politica fiscale possa mitigare gli effetti negativi della stagflazione, una recessione nella seconda metà dell’anno sembra quasi inevitabile, fa notare Siviero.

La Bce ha iniziato a inasprire la sua politica monetaria solo a luglio, quando la crescita economica era già rallentata. Dal punto di vista economico, l’Eurozona non si è ancora completamente ripresa dallo shock pandemico e soffre di inflazione storicamente elevata, carenza di energia e siccità. “L’attività economica in Europa è debole e il settore industriale continua a soffrire per le carenze di approvvigionamento e la domanda globale debole”, conclude Siviero. “Il mercato del lavoro rimane sano, ma la crescita salariale non è in grado di tenere il passo con l’inflazione. Di conseguenza, la fiducia dei consumatori è ai minimi storici, a causa di un forte calo del reddito disponibile reale e di del loro potere d’acquisto”.

Related Posts

Lascia un commento