Febbraio 21, 2024

Ethenea: il rally azionario non è sostenibile. Seguire le aspettative sugli utili

Molti titoli sono già saliti troppo e troppo velocemente. Se vedremo un minimo nelle aspettative sugli utili, quei livelli dovrebbero essere visti come prezzi di acquisto.

“A fronte di un ulteriore calo degli utili attesi, riteniamo che molti titoli siano saliti troppo e troppo velocemente nel breve termine e che, contrariamente alle aspettative, stiamo ancora una volta sperimentando il timore di restare tagliati fuori (Fomo: Fear Of Missing Out). L’attuale rally azionario non è sostenibile e non proseguirà allo stesso modo”. Michael Blümke, Senior Portfolio Manager di Ethenea Independent Investors, mette in guardia contro l’eccessiva euforia per i forti rialzi azionari che ci sono stati negli Stati Uniti, in Europa e in Asia da ottobre 2022.

Blumke fa notare che molti indici azionari hanno già recuperato, in un tempo relativamente breve, gran parte delle perdite dell’anno passato. In Europa, il DAX o l’EUROSTOXX 50 sono solo circa il 5% al di sotto dei loro massimi storici raggiunti 13 mesi fa. Mentre negli Usa, l’indice più esposto alla tecnologia, l’S&P 500, è ancora un buon 15% al di sotto dei suoi massimi. Guardando ai rispettivi minimi, in soli quattro mesi è stata generata una performance notevole su entrambe le sponde dell’Atlantico. Sebbene sembri che la recessione possa essere evitata, le aspettative di crescita nella migliore delle ipotesi sono ancora nella media. Ad esempio, il rapporto prezzo/utili dell’S&P500 calcolato sugli utili attesi è già tornato a un livello paragonabile a quello immediatamente precedente alla crisi del Covid, quando era considerato caro. 

“Penso che abbiamo già visto i minimi”, spiega Blümke, “e se si concretizzerà un minimo nelle aspettative sugli utili, i consolidamenti da questo livello dovrebbero essere visti come prezzi di acquisto. Quindi sconsiglio di inseguire il rally attuale”. “Per prepararci allo scenario dei prossimi mesi, da qualche tempo abbiamo limitato l’esposizione azionaria ai soli titoli statunitensi. È una decisione che monitoriamo costantemente, ma nonostante l’attuale “rinascita” dei titoli europei e asiatici, non c’è ancora motivo di cambiare direzione. Questo soprattutto se si considera che la sottoperformance dell’indice di riferimento americano è stata causata principalmente dalle megacap e dal loro peso nell’indice. Quindi continuiamo a concentrarci sui titoli americani ad ampia capitalizzazione. Mentre evitiamo le azioni ad alto dividendo, che sono solite comportarsi molto bene negli anni di crisi (come il 2022), ma non sono così forti nella crescita a lungo termine e non sono adatte al nostro approccio di copertura del portafoglio di base con derivati dell’indice in qualsiasi momento senza un rischio di base eccessivo”.

Related Posts

Lascia un commento