Giugno 13, 2024

Come combattere gli effetti della stagnazione dei salari con l’Educazione Finanziaria Indipendente

In Italia stipendio medio fermo da 30 anni. Solo l’1% di incremento dal 1991, rispetto al 32,5% nell’area OCSE. In uno scenario simile, la necessità di una robusta educazione finanziaria diventa cruciale.

di Felipe Orrego, CEO di Investitore Efficace

In un’epoca in cui gli stipendi in Italia hanno visto un incremento di solo l’1% dal 1991, rispetto al 32,5% nell’area OCSE, la necessità di una robusta educazione finanziaria diventa cruciale. Infatti, un recente studio della Banca d’Italia evidenzia che solo il 30% degli italiani possiede una conoscenza adeguata in economia domestica, ben sotto la media OCSE del 62%.

Mentre gli stipendi sono fermi, il costo della vita aumenta anno dopo anno. Allo stesso tempo, tuttavia, l’Italia detiene a livello patrimoniale una delle ricchezze private più grandi (e peggio allocate) al mondo: miliardi di euro sono parcheggiati nei conti correnti, altrettanti sono investiti in fondi bancari o polizze assicurative inefficienti, ancora di più sono allocati in immobili infruttiferi.

Nonostante questi dati così negativi, le soluzioni ci sarebbero. Innanzitutto, per combattere gli effetti negativi della stagnazione salariale è necessario evitare di tenere eccessiva liquidità ferma nel conto corrente bancario. Le famiglie italiane avevano circa 1.149 miliardi di euro parcheggiati nei conti correnti a marzo 2023 (report FABI, Federazione Autonoma Bancari Italiani), mentre l’inflazione nel 2023 si attesta sul +5,7% secondo dati ISTAT. Pertanto, una quantità eccessiva di liquidità di conto corrente non è consigliabile. Invece, per evitare di corrodere il potere d’acquisto dei propri depositi infruttiferi basterebbe calcolare esattamente (in base alle specifiche esigenze dell’individuo e/o della famiglia) quanta liquidità detenere nel conto corrente ed investire efficacemente la parte restante. In questo modo, è possibile limitare la perdita di potere d’acquisto causata dall’aumento continuo dei prezzi.

Inoltre, relativamente all’allocazione patrimoniale, ed in particolare a quella immobiliare, bisogna prestare attenzione al valore futuro degli immobili. Infatti, le famiglie italiane possiedono immobili abitativi per un valore di circa 6.000 miliardi di euro (Rapporto di Banca d’Italia “La ricchezza dei settori istituzionali in Italia”). Tuttavia, secondo previsioni dell’ISTAT si stima che la popolazione italiana passerà da 59 milioni a 46 milioni nel 2080, a causa delle tendenze demografiche come l’invecchiamento della popolazione e il calo delle nascite. Pertanto, la combinazione di popolazione italiana in costante diminuzione e redditi stagnanti rende il mercato immobiliare italiano una bomba ad orologeria nel lungo termine. In altre parole, i figli degli attuali proprietari di immobili a chi venderanno le case ereditate (e a quale prezzo)? In breve, dovremmo evitare di avere una grande parte del nostro patrimonio allocata in immobili che sono destinati a perdere di valore nel tempo.

Infine, per combattere i problemi causati dalla stagnazione dei salari bisogna aver ben presenti gli strumenti finanziari da utilizzare e quelli da evitare. Secondo il rapporto “La ricchezza dei settori istituzionali in Italia” di Banca d’Italia, infatti, già nel 2021 le famiglie italiane avevano oltre 767 miliardi di euro investiti in fondi comuni e oltre 1.210 miliardi di euro allocati in polizze assicurative. È davvero un peccato che – per abitudine e mancanza di informazioni – gli investitori italiani si affidino a strumenti di investimento distribuiti da aziende (banche e reti) in conflitto d’interessi e con costi di gestione eccessivi, che le analisi di consulenza indipendente riescono a dimezzare in oltre il 90% dei casi.

In uno scenario simile, frutto della combinazione dei numerosi fattori descritti, la necessità di accedere a dei percorsi di educazione finanziaria è diventata imprescindibile per tutti i risparmiatori/investitori.

Related Posts

Lascia un commento