Aprile 16, 2021
Home Archive by category Italpress

Italpress

Fedriga “Sulle riaperture no a date, non vogliamo lo scontro”

ROMA (ITALPRESS) – "Volutamente non abbiamo messo date, e non le suggeriamo", perchè "non cerchiamo lo scontro". Lo ha detto il presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, ai microfoni di "Radio Anch'io" su Rai Radio1. "Il Governo farà le dovute scelte", ha sottolineato il presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, spiegando: "Abbiamo chiesto di favorire in via sperimentale le attività che si possono svolgere all'aperto".
"Con le linee guida suggeriamo un percorso, bisogna prendere consapevolezza che il Paese vive una forte tensione sociale, servono regole magari forti ma che vengono rispettate, invece di divieti che poi si rischia non vengano rispettati", ha aggiunto Fedriga.
(ITALPRESS).

Articolo di Italpress.

Atlanta ko senza Gallinari, Curry trascina Golden State

ROMA (ITALPRESS) – Sconfitta di Atlanta nella notte italiana della regular-season dell'Nba. Gli Hawks, ancora privi di Danilo Gallinari, si arrendono per 120-109 ai Milwaukee Bucks nonostante i 28 punti realizzati da Bojan Bogdanovic, top-scorer dell'incontro. Quarta affermazione consecutiva per i Golden State Warriors, che violano per 119-101 il parquet dei Cleveland Cavaliers con 33 punti di un immarcabile Stephen Curry. Tra i californiani in campo per nemmeno 2 minuti l'azzurro Nico Mannion, che non riesce a sporcare la sua casella. Battuta d'arresto interna per i campioni in carica dei Los Angeles Lakers, messi al tappeto per 121-113 dai Boston Celtics, trascinati dai 40 punti di Jaylen Brown. Successo casalingo, infine, per i Phoenix Suns, che si impongono per 122-114 sui Sacramento Kings sebbene DèAaron Fox, tra gli ospiti, timbri 27 punti.
(ITALPRESS).

Articolo di Italpress.

Di Maio “I regimi? Parliamo con tutti ma sui diritti non si arretra”

ROMA (ITALPRESS) – "L'Italia non ha mai mutato il suo posizionamento geo-politico di fondo. I nostri governi sono sempre rimasti fedeli all'Alleanza Atlantica. Va aggiunto che il governo di Joe Biden ha cambiato approccio rispetto alla precedente amministrazione Trump. Roma e Washington non sono mai state tanto vicine. Questa amministrazione Usa non è certo isolazionista, siamo perfettamente allineati su questioni fondamentali, come la difesa dei diritti umani, o dell'ambiente". Lo afferma in un'intervista al Corriere della Sera il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.
"L'Italia è un alleato fondamentale della nuova politica americana. Biden e la sua amministrazione mi hanno anticipato le scelte sull'Afghanistan, assicurano il loro sostegno in Libia", sottolinea il ministro, che alla domanda se Biden ha promesso che invierà vaccini in Italia risponde: "Ne parleremo più avanti, concordiamo che i vaccini non possono essere utilizzati come strumenti di politica estera".
Biden appena eletto condannò il principe Mohammad Bin Salman per l'omicidio di Jamal Kashoggi, ma disse anche che le relazioni economiche d'antica data con i sauditi non potevano cambiare. Lo stesso farà l'Italia con Egitto o Turchia? "Nonostante la condanna, gli americani non hanno cessato le relazioni con i sauditi. I nostri rapporti con l'Egitto sono ai minimi storici da anni – spiega Di Maio -. Ci sono aziende private italiane che lavorano nel Paese, però non sono spinte dal governo. Ma è ovvio che non possiamo tagliare i rapporti con l'Egitto quando dobbiamo trattare per esempio della diga etiope sul Nilo e di questioni vitali come la Libia. Ci sono aspetti della realtà attorno al mare nostrum che ci obbligano a negoziare con chiunque, anche con i regimi non democratici. Non è una questione di double track, da una parte i principi e dall'altra gli affari. Tutt'altro, abbiamo più volte criticato la politica saudita nel conflitto yemenita. Nelle ultime ore Biden ha espulso una decina di diplomatici russi, ma allo stesso tempo ha invitato Putin al prossimo summit sul clima. Anche noi italiani manteniamo canali di dialogo".
(ITALPRESS).

Articolo di Italpress.

Letta “Vergogna mozione sfiducia a Speranza, riapertura va fatta bene”

ROMA (ITALPRESS) – "Incredibile e una vergogna la mozione di sfiducia al ministro della Salute Roberto Speranza da parte di Fratelli D'Italia. Io penso abbia fatto un ottimo lavoro e penso che stia tenendo duro davanti a richieste di riaperture sconsiderate". Lo ha detto Enrico Letta, segretario del Partito Democratico, ospite a 'Piazza Pulità su La7.
"Siamo arrivati alla fine di questo percorso così duro. La riapertura è passaggio decisivo e va fatta bene, perchè se viene fatta male poi si ritorna punto e daccapo. Diamo fiducia a chi deve gestire le cose, Draghi in testa, e ovviamente Speranza. Nel momento in cui si riaprirà saremo in grado tutti di tenere comportamenti responsabili" ha continuato.
"A De Luca e a tutti gli altri presidenti di regione dico: questo è il momento della responsabilità di tutti, quindi è assolutamente necessario che ci sia la capacità di lavorare insieme, di arrivare a dei buoni risultati insieme. L'appello che io mi sento di fare a tutti è: Federica lavori con la stessa capacità istituzionale di rispetto che ha tenuto Bonaccini e tutti i presidenti di regione riescano a mettere da parte la loro specificità'" ha proseguito Letta.
"L'Europa è franata perchè non aveva competenze in materia sanitaria perchè i paesi membri in passato hanno detto 'della sanità ci occupiamo ognuno per conto suò. Ancora oggi nei trattati non c'è niente" ha continuato Letta. "Gran Bretagna e Stati Uniti – ha aggiunto – sono avvantaggiati perchè hanno una capacità produttiva che gli altri non hanno".
Palando del Partito Democratico Letta dice: "La crisi nei mesi scorsi era diventata evidente, però ho trovato un partito che ha una base, degli iscritti, dei militanti in grande salute. Si può costruire un partito dell'intelligenza collettiva, cioè non un partito in cui l'obiettivo è dall'alto controllare la base, ma la base può farsi ascoltare. E' una rivoluzione questa" e sul governo Conte: "Nella caduta io ho rivisto qualcosa che avevo conosciuto, perchè Conte è caduto per mano di Matteo Renzi".
"Con Salvini il rapporto può essere un rapporto positivo. Pd e Lega sono i due partiti più presenti sul territorio italiano ha aggiunto Letta che ha concluso: "Io spero che questo governo concluda la legislatura e che la legislatura si concluda alla scadenza naturale".
(ITALPRESS).

Articolo di Italpress.

Roma-Ajax 1-1, giallorossi in semifinale di Europa League

ROMA (ITALPRESS) – La Roma lotta, soffre e la spunta nel doppio confronto con l'Ajax. I giallorossi volano in semifinale di Europa League dove affronteranno il Manchester United (vincitore sul Granada): al sigillo di Brobbey risponde Dzeko su una grande cavalcata di Calafiori. All'Olimpico la squadra di Fonseca gestisce il vantaggio accumulato in Olanda ed elimina i terribili ragazzini di Ten Hag. Nonostante il 2-1 dell'andata, la Roma non rinuncia affatto ad attaccare ed è la più pericolosa nel primo quarto d'ora di gioco. Al 5' c'è la chance per i padroni di casa di punire in contropiede, ma Pellegrini, a tu per tu con Stekelenburg, calcia debolmente tra le braccia del portiere. Poco dopo, al minuto 8, la rete si gonfia ma il direttore di gara attenua immediatamente gli entusiasmi: Veretout concretizza un geniale passaggio di Dzeko, ma la posizione di partenza del francese è di poco irregolare. Al 10' Tagliafico anticipa Diawara, ma incorna alto di testa, mentre al 13' Pau Lopez regala il pallone ad Antony che però non ne approfitta in area di rigore.
L'Ajax prende fiducia e gioca l'ultima mezz'ora del primo tempo quasi sempre nella metà campo giallorossa. Pur arrivando con facilità in zona tiro, non ci sono occasioni clamorose da segnalare per gli olandesi, che al 37' chiedono un penalty per un intervento di Calafiori su Tadic: non c'è niente per l'arbitro Taylor.
Nella ripresa ten Hag si gioca la carta Brobbey che dopo pochi minuti si dimostra vincente: al 49' infatti l'attaccante classe 2002 viene pescato da Schuurs e supera Pau Lopez con un tocco sotto, accorciando le distanze. Il Var salva la Roma al 56', quando Tadic mette in porta il momentaneo 0-2: il fischietto inglese infatti annulla tutto andando al monitor, ravvisando un fallo precedente su Mkhitaryan. La squadra di Fonseca soffre maledettamente e si innervosisce. Tuttavia l'Ajax si espone a contropiedi e alla prima chance Dzeko punisce: splendida azione di Calafiori, pallone al centro per il bosniaco, il quale deve solo appoggiare in rete al 72' per l'1-1. Gli olandesi accusano la doccia fredda e non riescono più ad attaccare con la stessa lucidità di prima. La Roma gestisce i minuti conclusivi e stacca il pass per la semifinale.
(ITALPRESS).

Articolo di Italpress.

Achille Lauro torna con un nuovo album

MILANO (ITALPRESS) – Achille Lauro pubblica Lauro il sesto album di inediti in uscita il 16 aprile per Elektra Records/Warner Music Italy.
Solo Noi e Marilù introducono un disco punk rock, grunge che alterna una tempesta d'animo per dare voce ai soli e agli incompresi.
Achille Lauro parla al mondo degli irrisolti, dei fuori rotta, dei falliti e così l'album fagocita vite, storie d'amore, riflessioni sul bene, sul male e ciò che sta nel mezzo.
(ITALPRESS).

Articolo di Italpress.

Giorgetti “Incontro positivo con sindacati, è momento responsabilità”

ROMA (ITALPRESS) – "Incontro positivo all'insegna della responsabilità, tanto più che stiamo vivendo un momento particolarmente delicato e complesso per la salute, il lavoro, il futuro". Così il ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti a margine del tavolo con i sindacati CGIL, CISL, UIL e UGL che ha convocato per presentare la squadra al Mise, confrontarsi su metodi e tematiche e affrontare temi generali di stretta attualità, in primis le crisi d'azienda da Alitalia, all'ex Ilva senza trascurare quelle realtà che non finiscono magari sulle cronache nazionali ma che riguardano lavoratori che rischiano di perdere l'occupazione. "Vi ringrazio – ha detto il ministro ai sindacati – per il ruolo che svolgete nella gestione delle crisi e delle conseguenti tensioni sociali che contribuite a incanalare in una prospettiva di dialogo". Durante l'incontro sono state affrontate anche questioni legate al metodo di lavoro per affrontare le diverse crisi (cabina di regia) e la necessità di un maggiore coordinamento per superare eventuali difficoltà per le diverse competenze dei ministeri che a volte rischiano di allungare i tempi delle soluzioni. "Credo che una razionalizzazione in questo senso sia doverosa" ha detto Giorgetti che però ha sottolineato la necessità di "una riflessione sugli strumenti e sul recupero di ritardi su vari fronti che ci penalizzano". Tra i diversi dossier Giorgetti ha fatto un passaggio anche sulle amministrazioni straordinarie che con un recente provvedimento ha riformato: "devono servire per risolvere i problemi e non trasformarsi in strutture che servono solo per sè stesse".
(ITALPRESS).

Articolo di Italpress.

Migranti, Fico “Ue faccia salto qualità e parli con voce sola”

ROMA (ITALPRESS) – "Il fenomeno dell'immigrazione ha attraversato tutta la storia dell'umanità. E' un tema che per la sua estensione e la sua complessità deve essere discusso e gestito fuori dagli schemi delle polarizzazioni e senza ricorrere a semplificazioni propagandistiche. Ne ho parlato oggi in un interessante colloquio alla Camera con l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati Filippo Grandi". Lo scrive su facebook il presidente della Camera, Roberto Fico che aggiunge: "L'Unhcr svolge su questo fronte un lavoro importante e prezioso. E fornisce un contributo essenziale in tante aree critiche nel mondo, come la Libia, il Sahel e il Corno d'Africa. Quando parliamo di politiche migratorie, assistenza a rifugiati e migranti, integrazione, ricollocamenti, tutela dei diritti umani parliamo di temi che necessitano di un approccio globale e coordinato. Su questo l'Europa deve fare un salto di qualità non più rinviabile. Deve riuscire a parlare con una voce sola, uno sforzo necessario per superare frammentazioni e interessi di parte e per ispirare la propria azione ai principi di solidarietà e responsabilità".
(ITALPRESS).

Articolo di Italpress.

Coronavirus, 16.974 contagi e 380 decessi nelle ultime 24 ore

ROMA (ITALPRESS) – In Italia crescono ancora i contagi seppur lievemente. Secondo i dati forniti dal Ministero della Salute i nuovi positivi sono 16.974 (in leggera crescita rispetto ai 16.168 di ieri). Numero che arriva a fronte di 319.633 tamponi processati, numero che fa crescere il tasso di positività al 5,3%. Decessi in significativo calo a 380. I guariti sono 21.220 mentre gli attuali positivi flettono di 4.637 attestandosi su un totale di 510.023.
Prosegue l'allentamento della pressione sugli ospedali. I
ricoverati nei reparti ordinari sono 25.587, con ben 782 pazienti
in meno: 3.417 si trovano nelle terapie intensive con 73 degenti
in meno complessivamente e 211 nuovi ingressi. In calo pure il
numero che indica le persone in isolamento domiciliare, 481.019.
Per quanto riguarda il contagio nelle regioni la Lombardia
registra il maggior numero di nuovi casi (2.722), seguita da
Campania (2.224) e Puglia (1.867).
(ITALPRESS).

Articolo di Italpress.

Def, il Cdm dà il via libera allo scostamento

ROMA (ITALPRESS) – Al termine della riunione durata circa un'ora, il Consiglio dei ministri ha approvato il Def e la relazione sullo scostamento di bilancio, con la quale si richiede l'autorizzazione al Parlamento al ricorso a un maggiore indebitamento per 40 miliardi, risorse che saranno utilizzate per un nuovo provvedimento di sostegno alle imprese e all'economia, fanno sapere fonti di Palazzo Chigi. Secondo il quadro di finanza pubblica contenuto nel Def, nel 2021 la crescita del Pil programmatico arriverà al 4,5%. Nel 2022 il Pil crescerà del 4,8%, per poi crescere del 2,6% nel 2023 e dell'1,8% nel 2024. Il rapporto deficit/Pil è stimato all'11,8% nel 2021, un livello molto elevato dovuto alle misure di sostegno all'economia e alla caduta del Pil. Il rapporto deficit/Pil scenderà al 5,9% nel 2022, al 4,3% nel 2023 e al 3,4% nel 2024. A partire dal 2025, il rapporto deficit/Pil tornerà a scendere sotto il 3%. Il rapporto debito/Pil è stimato al 159,8% nel 2021, per poi diminuire al 156,3% nel 2022, al 155% nel 2023 e al 152,7% nel 2024.
(ITALPRESS).

Articolo di Italpress.

Load More