Dicembre 8, 2022
Home Archive by category Italpress

Italpress

Superbonus, Conte “Il Governo distrugge l’interesse nazionale”

ROMA (ITALPRESS) – “Abbiamo scoperto che per la Presidente Meloni e il Ministro Giorgetti il Superbonus 110 è diventato ora un buco nelle casse dello Stato, una misura da distruggere. Siamo di fronte all’ennesima giravolta della Meloni. Eppure abbiamo i numeri aggiornati, quelli veri, quelli che dovrebbero contare per chi prende decisioni in un momento così difficile”. Lo scrive su Facebook il presidente del M5S Giuseppe Conte.
“Secondo il rapporto del Censis presentato oggi il Superbonus 110 ha attivato quasi 1 milione di posti di lavoro, portando 43 miliardi di entrate nelle casse dello Stato. Tradotto: il 70% dell’investimento pubblico è rientrato sotto forma di gettito fiscale – spiega Conte -. Secondo i dati di Cresme, poi, il Superbonus contribuisce per il 22% alla crescita del Pil dell’Italia del 2022. Per Nomisma le ristrutturazioni hanno prodotto 500 euro l’anno di risparmi in bolletta e un taglio delle emissioni inquinanti pari a 979.000 tonnellate di Co2.
Al Governo diciamo di ravvedersi: così non si cura l’interesse nazionale ma lo si distrugge. Non si sabotano dall’oggi al domani i progetti di famiglie e imprese su una misura che ha fatto rialzare e correre l’Italia”.

– foto Agenziafotogramma.it –

(ITALPRESS).

Inflazione, Visco “Dal 2021 incremento pressochè continuo”

ROMA (ITALPRESS) – “Dallo scorso anno la variazione dei prezzi è tornata a registrare, a livello mondiale, un incremento pressochè continuo: dal 4,7% nella media del 2021, viene stimata dal Fmi prossima al 9% quest’anno. Nell’area dell’euro, sulla base dell’indice armonizzato dei prezzi al consumo, dal 2,6% dello scorso anno ha oggi quasi raggiunto l’11%, sfiorando il 13% in Italia, il livello più alto da circa quarant’anni”.
Lo ha detto il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, in occasione di una lectio magistralis promossa dalla Fondazione Ugo La Malfa. “bisogna in particolare riflettere sulle conseguenze possibili per l’adeguamento di retribuzioni e prezzi di produzione alla luce delle condizioni attuali dei mercati dei beni e del lavoro”, ha aggiunto. “Stimiamo che quasi due terzi dell’aumento complessivo dei prezzi al consumo registrato negli ultimi dodici mesi sarebbero stati causati dai rincari dell’energia, sia direttamente sia attraverso gli effetti sui costi di produzione. Una quota – ha aggiunto – che sale a circa quattro quinti se si tiene conto anche dell’impatto dei prezzi dei generi alimentari che, pur se non legati all’energia, hanno comunque risentito del conflitto in Ucraina”, ha spiegato il governatore.
(ITALPRESS).
-foto agenziafotogramma.it-

G20, Meloni “Riavvicinamento tra l’Occidente e il resto del mondo”

ROMA (ITALPRESS) – “Questo G20 si svolgeva in una situazione molto complessa, secondo molti osservatori poteva tradursi in un sostanziale fallimento. Mi pare si possa dire che è stato un successo”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, nella conferenza stampa conclusiva al vertice G20 di Bali, in Indonesia. “La questione più complessa era l’aggressione della Russia all’Ucraina. Non si voleva che questo importantissimo summit uscisse senza una dichiarazione finale e congiunta dei leader, ma d’altra parte non si poteva fingere di non vedere quello che sta accadendo”, ha aggiunto.
“Mi pare che il G20 segni un riavvicinamento tra l’Occidente e il resto del mondo, con un accordo sul testo finale nel quale si inserisce un passaggio che consideriamo fondamentale e significativo, vale a dire la condanna della Russia per l’aggressione nei confronti dell’Ucraina”, ha sottolineato Meloni, per la quale “l’Italia è stata protagonista del G20, intorno a noi c’è stata molta attenzione, sicuramente anche perchè l’Italia è l’unica nazione con un capo di governo donna. Sul tema della parità il nostro Paese era un fanalino di coda ora siamo all’avanguardia, fa piacere”.
“Questo summit è stato anche un’occasione per combattere la narrazione che vuole l’Occidente contro il resto del mondo. E’ la ragione per cui l’Italia si è molto concentrata sui confronti bilaterali con nazioni con le quali c’è minore capacità di incontrarsi. Non sono riuscita a organizzare tutti i bilaterali chiesti con l’Italia, ma l’idea è quella per cui un governo solido consente di immaginare l’Italia come partner fondamentale per le relazioni”, ha proseguito.
“In questo G20 c’è anche il successo sul negoziato sul grano, un punto che ho ribadito nel mio intervento e che ha trovato il sostegno di tutti i leader, Russia compresa”, ha detto ancora Meloni.
“Al centro del summit alcune questioni fondamentali, dall’energia alla crisi alimentare, dalla crisi sanitaria alla digitalizzazione, e l’Italia è presente su tutte le tematiche – ha aggiunto il premier -. Abbiamo sottolineato degli elementi che consideriamo importanti, la crisi energetica che stiamo vivendo oggi viene da lontano. Non è figlia della guerra, che al massimo l’ha acuita. E’ figlia di scelte sbagliate fatte da inizio millennio, crisi che creano difficoltà perchè ostaggio del rapporto tra paesi produttori e consumatori e della speculazione”.
“Questa mattina abbiamo ricevuto un brusco risveglio con le notizie che arrivavano dalla Polonia, ci siamo consultati con gli alleati – ha spiegato il presidente del Consiglio -. L’ipotesi che sulla Polonia sia caduto un missile dell’antiaerea ucraina per quanto ci riguarda cambia di molto poco la sostanza dal nostro punto di vista, la responsabilità di quello che è accaduto è della Russia che sta sistematicamente distruggendo le infrastrutture, i russi sanno che bombardando al confine i missili possono cadere sul suolo polacco”.
“Insieme agli alleati abbiamo condannato l’aggressione russa e offerto pieno sostegno a Kiev – ha aggiunto il premier italiano -. Sulla vicenda dell’Ucraina non si può prescindere dalla volontà della nazione aggredita, speriamo di trovare un accordo con Zelensky per uscire dal conflitto nel minor tempo possibile”.
“Ho avuto ieri un lungo e molto cordiale colloquio con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e ci siamo ripromessi di rivederci molto presto”, ha poi spiegato Meloni.
“La questione dei prezzi dell’energia rimane aperta, ma abbiamo trovato negli Usa un’amministrazione aperta a ragionare con l’Unione Europea per trovare soluzione per calmierare i prezzi”, ha proseguito.

– foto Agenziafotogramma.it –

(ITALPRESS).

Calendario Pirelli, Emma Summerton firma “Love Letters to the Muse”

MILANO (ITALPRESS) – “Love Letters to the Muse”, il Calendario Pirelli 2023 realizzato da Emma Summerton, viene presentato oggi a Milano presso il museo di arte contemporanea Pirelli HangarBicocca. La 49esima edizione di The Cal è stata dedicata dalla fotografa australiana alle sue muse, cioè alle tante donne che, nella sua ricerca di ispirazione, l’hanno guidata nei percorsi e nelle scelte come artista e come persona.
Dalla prima edizione del 1964 a oggi, Emma Summerton è la quinta donna a firmare il Calendario dopo Sarah Moon nel 1972, Joyce Tenenson nel 1989, Inez Van Lamsveerde (del duo Inez and Vinoodh) nel 2007 e Annie Leibovitz nel 2000 e nel 2016. Quest’anno è la stessa Emma Summerton ad aver curato anche la regia, insieme al regista Carlo Alberto Orecchia, del video di presentazione del
Calendario Pirelli 2023.
“Per il Calendario sono voluta tornare alla radice etimologica della parola musa. Musa originariamente rappresentava non solo la fonte di ispirazione, ma anche chi possedeva talento nella letteratura, le scienze e le arti”, spiega Emma Summerton dicendosi “affascinata dalle donne che realizzano cose straordinarie e creative, donne che mi hanno ispirato lungo tutta la mia carriera e lungo tutta la mia vita, a partire da mia madre. Persone dalle quali ho imparato molto: scrittrici, fotografe, poetesse, attrici e registe. La mia idea, quindi, è stata quella di celebrare queste donne straordinarie e di creare un mondo in cui rappresentarle”.
“Con il calendario Pirelli 2023 volevamo avere un occhio di sogno, come accade quando si esce da un incubo, il sogno della bellezza, un mondo diverso pur non staccandoci dalla realtà. Questo è un pò il sentiment che avevamo tutti nel pensare al calendario”, sottolinea Marco Tronchetti Provera, vice
Presidente Esecutivo e Ceo di Pirelli. Summerton era la fotografa giusta per il progetto “nell’interpretare il sogno con una capacità di dargli concretezza, con occhio sognante ma allo stesso tempo legato al mondo reale”.
Il Calendario Pirelli 2023 raccoglie 28 scatti di 14 modelle ritratte con lo stile onirico che distingue il lavoro di Emma Summerton. La loro scelta non è stata casuale. Ognuna di loro, infatti, presenta delle affinità con la Musa che è stata chiamata a rappresentare sui set realizzati tra Londra e New York per lo shooting avvenuto tra giugno e luglio. “Nei miei scatti il confine tra il ruolo che le modelle interpretano e quello che realmente sono non è definito e il tutto si fonde in immagini che evocano il realismo magico”, spiega la fotografa.
Così, ad esempio, troviamo Guinevere Van Seenus, che oltre a essere una top model è nella realtà anche una fotografa; Lauren Wasser, modella ma anche atleta; Ashley Graham, che nel Calendario rappresenta l’attivista, nota per il suo sostegno della body positivity; Precious Lee, la narratrice che ama scrivere sceneggiature e storie. Protagoniste del Calendario: Lila Moss – la veggente (the Seer), Guinevere Van Seenus – la fotografa (the Photographer), Adwoa Aboah – la regina (The Queen), Karlie Kloss – l’esperta di tecnologia (the Tech Savant), Sasha Pivovarova – la pittrice (The painter), Lauren Wasser – l’atleta (the Athlete), Emily Ratajkowski – la scrittrice (The Writer), Cara Delevingne – la performer (the Performer), Bella Hadid – il folletto (the Sprite), Kaya Wilkins – la musicista (the Musician), Precious Lee – la narratrice (the Storyteller), He Cong – la saggia (the Sage), Adut Akech – la cacciatrice di sogni (the Dream Catcher) ed Ashley Graham – l’attivista (the Activist).
-foto ufficio stampa Pirelli-
(ITALPRESS).

Mattarella riceve Bagnaia e Ducati “Simboli di un’Italia vincente”

ROMA (ITALPRESS) – Novantuno punti recuperati in 8 gare sono il simbolo di un Mondiale vinto con sacrificio, sudore e passione, che spruzza italianità da tutti i pori. Francesco Bagnaia se lo gode ancora, dieci giorni dopo la festa di Valencia, e il rientro a Roma continua a vederlo protagonista di premiazioni e momenti da ricordare sui palcoscenici più prestigiosi. Dopo il Collare d’Oro del Coni, l’incontro dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che dopo aver seguito con trasporto le imprese di calcio (Europeo 2021) e pallavolo (doppio Europeo 2021 e Mondiale maschile 2022) si è scoperto appassionato di motori. Nel Cortile d’Onore ha accarezzato la Ducati, salita sul tetto del mondo insieme a Pecco. “E’ un grandissimo orgoglio essere qui – le parole del 25enne neo campione della classe regina – Il Presidente si è congratulato con Ducati e con me, è sempre piacevolmente disarmante la sua presenza. Lui poi è attento a ogni particolare, abbiamo parlato delle appendici aerodinamiche della nostra moto e ci ha fatto domande molto mirate, da uno che segue con attenzione il nostro sport”.
A illustrare tutti i dettagli tecnici della moto ci ha pensato l’ad della casa motociclistica, Stefano Domenicali. Nel suo saluto durante la cerimonia, Bagnaia ha detto di aver “portato con orgoglio la bandiera italiana a Valencia, dopo il trionfo. Ma non è solo una mia vittoria, è la vittoria di un gruppo di lavoro”. Insieme a lui c’era una delegazione composta da manager e tecnici e rappresentanti della Federazione Motociclistica Italiana guidati dal presidente Giovanni Copioli:”Festeggiamo Bagnaia, che ha ottenuto un risultato straordinario, frutto del suo enorme talento, ma anche della professionalità, intelligenza, spirito di sacrificio, determinazione e tanto coraggio. La sua
storia è un modello per tutti i ragazzi che si approcciano al
nostro sport”. C’era anche il numero uno del Coni, Giovanni Malagò, e al Ministro per lo Sport e i Giovani, Andrea Abodi. Mattarella, prima del suo intervento, ha ricordato al presidente del Coni che “al Quirinale ci sarà sempre spazio per celebrare i successi italiani, e se ci vediamo qui è per merito dei nostri campioni, non certo mio”. Il Presidente della Repubblica, rivolgendosi poi a Bagnaia, ha usato il suo soprannome “Pecco, è un piacere averti qui – il suo saluto – La tua impresa ha via via coinvolto tutto il nostro Paese. Un anno fa eravamo in queste stesse sale per celebrare la grande carriera di Valentino Rossi che lasciava la MotoGP, ebbene credo che a Valentino stesso faccia piacere sapere che il filone di vittorie italiane nelle moto continua e ha un futuro”. Il Capo dello Stato ha proseguito parlando del piemontese come di “un giovane sportivo che è esempio per i giovani italiani”. Facendo i complimenti a tutti, ha poi dedicato un pensiero conclusivo alla Ducati, definita “una squadra straordinaria, è importante avere dopo 50 anni un campione italiano su una moto italiana. Grazie per quello che rappresentate per l’immagine del nostro Paese”. Per il presidente del Coni Giovanni Malagò, “Bagnaia può aprire un ciclo come Valentino Rossi. Abbiamo fatto la storia dopo 50 anni con la vittoria del Mondiale di un pilota italiano su moto italiana, come fece Agostini – ha aggiunto Malagò – Ci sono tutte le premesse per proseguire e scrivere altre straordinarie pagine”.
-foto ufficio stampa Quirinale –
(ITALPRESS).

Reintegro di medici e infermieri No Vax, italiani divisi

ROMA (ITALPRESS) – Il nuovo Governo Meloni è entrato nel pieno delle sue funzioni e sta iniziando a varare le prime norme e a formulare le prime proposte. Tra le prime azioni del nuovo Esecutivo c’è stato il varo della cosiddetta norma “anti-rave” – con lo sgombero di un rave party a Modena – e il reintegro al lavoro per i medici e infermieri non vaccinati contro il Covid19. Riguardo alla norma anti-rave, la maggioranza degli italiani (54,8%) approva e condivide questa prima scelta del Governo, sul reintegro del personale sanitario, invece, il campione si divide tra favorevoli e contrari, con una prevalenza di questi ultimi (il 47,2%). Nel complesso, comunque, oltre la metà degli italiani non giudica l’azione di Governo come liberticida o che possa attentare alle libertà fondamentali del Paese. In questo particolare momento storico, poi, le attenzioni e le priorità degli italiani si concentrano su altri temi e, soprattutto, su quello che riguarda la sfera economica personale…Dal lavoro alle bollette, all’inflazione in continuo aumento, temi che incidono notevolmente sul portafoglio delle famiglie italiane e che, in questo momento, risultano prioritari rispetto a tutto il resto.

Dati Euromedia Research – Realizzato l’08/11/2022 con metodologia mista CATI/CAWI su un campione di 1.000 casi rappresentativi della popolazione italiana maggiorenne

– foto Euromedia Research –
(ITALPRESS).

Polonia, Stoltenberg “Non c’è la prova di un attacco russo deliberato”

ROMA (ITALPRESS) – “Le investigazioni sull’incidente sono ancora in corso e dobbiamo ancora aspettare le conclusioni. Per il momento non c’è nessuna indicazione che si sia trattato di un attacco deliberato della Russia. Non c’è nessuna evidenza che la Russia stia preparando attacchi a membri della Nato”. Lo ha detto il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, dopo la riunione del Consiglio Atlantico, in merito all’esplosione che ha provocato due morti in Polonia, nei pressi del confine con l’Ucraina.
“Secondo risultati preliminari, probabilmente l’incidente è stato causato da un missile ucraino, lanciato per proteggere il territorio dagli attacchi missilistici russi”, ha sottolineato Stoltenberg, che ha aggiunto: “Non è colpa dell’Ucraina. La Russia porta la responsabilità ultima per questa guerra illegale”.

– foto Agenziafotogramma.it –

(ITALPRESS).

Al G20 colloquio Meloni-Xi Jinping “Riprendere i canali di dialogo”

ROMA (ITALPRESS) – Il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha avuto un incontro bilaterale a margine dei lavori del vertice dei Paesi del G20 con il presidente della Repubblica Popolare Cinese, Xi Jinping. “Un incontro – fa sapere palazzo Chigi – improntato alla cordialità. Meloni ha espresso l’interesse del Governo italiano a promuovere gli interessi economici reciproci, anche nell’ottica di un aumento delle esportazioni italiane in Cina. Allo stesso tempo Xi e Meloni hanno riconosciuto l’antico rapporto tra Italia e Cina, due civiltà millenarie, sottolineando il successo dell’anno della cultura Italia-Cina”.
Il presidente Xi ha richiamato i messaggi scambiati con il presidente Mattarella in tale circostanza. Nel colloquio sono stati toccati anche i rapporti tra UE e Cina, auspicando un loro rilancio.
Il presidente Meloni ha rilevato “l’importanza che riprendano tutti i canali di dialogo, incluso quello in materia di diritti umani. E’ stata riconosciuta la necessità di collaborare per l’efficace gestione delle più gravi e impellenti sfide globali e regionali”. Meloni e Xi hanno dedicato particolare attenzione alla guerra in Ucraina e alle sue conseguenze. Hanno convenuto che “occorre promuovere ogni iniziativa diplomatica per porre fine al conflitto ed evitare un’escalation”. Al termine dell’incontro, il presidente Xi ha invitato il presidente del Consiglio a effettuare una visita in Cina, invito che Meloni ha accettato.

– foto Agenziafotogramma.it –

(ITALPRESS).

Ucraina, Crosetto “Fase complessa, la guerra sarà ancora lunga”

ROMA (ITALPRESS) – “A caldo non abbiamo commentato perchè volevamo avere certezza dell’accaduto. Sapevamo che ogni parola, in una situazione già grave, poteva alimentare un clima di scontro. Mentre sui social molti discutevano di guerra mondiale, i miei colleghi della Nato e gli americani stessi mostravano un atteggiamento di prudenza. Non parliamo di tifo calcistico, ma di armi e guerra, le cose più brutte che l’umanità possa fare”. Lo dice al Corriere della Sera il ministro della Difesa Guido Crosetto, in merito al missile che due giorni fa ha provocato due vittime in Polonia, nei pressi del confine con l’Ucraina.
“L’ipotesi più accreditata è che sia stato un missile ucraino caduto in territorio polacco. Non è un incidente destinato ad aggravare una situazione già grave”, spiega il ministro, che aggiunge: “Viviamo una fase complessa, la guerra sarà ancora lunga. Questi bombardamenti alle infrastrutture civili servono a dare un ulteriore colpo al morale degli ucraini. La strategia russa è cambiata ed è ancora più violenta, punta a rendere impossibile ad alcuni milioni di persone affrontare l’inverno. Per non morire di freddo saranno costrette a migrare verso l’Europa. E’ un modo disumano di combattere la guerra, che porta a un ulteriore aggravamento”.

– foto Agenziafotogramma.it –

(ITALPRESS).

Doppietta di Grifo, l’Italia vince 3-1 in rimonta a Tirana

TIRANA (ALBANIA) (ITALPRESS) – L’Italia batte in rimonta l’Albania 3-1 nell’amichevole di Tirana. All’Arena Kombetare il protagonista è Vincenzo Grifo, che firma l’assist per il momentaneo 1-1 di Di Lorenzo, realizza la doppietta della vittoria e colpisce una traversa. L’esterno del Friburgo – nove gol in Bundesliga in questa stagione – è in forma e lo dimostra dopo appena 10′ con una bella azione individuale sulla sinistra che dà vita ad una doppia chance: Raspadori calcia in area, Berisha respinge d’istinto e Zaniolo sbaglia il rigore in movimento. Un errore che pesa perchè sei minuti dopo l’Albania sblocca il risultato con un gol targato Empoli: Bajrami da calcio piazzato disegna un traversone per Ismajli che prende il tempo a Bonucci e di testa batte Meret. La reazione azzurra è puntuale ed è affidata all’uomo più in forma. Tra il 20′ e il 25′ Grifo mette a referto un assist e un gol. Prima serve il cross decisivo per la deviazione in rete da due passi di Di Lorenzo. Poi è lucido nel bucare Berisha dopo una splendida giocata di Raspadori su Kumbulla. Meno preciso è Zaniolo. Al 25′ Dimarco lo pesca in area, ma il romanista sbaglia la misura del pallonetto. Poi al 47′ il classe 1999 colpisce un palo dopo un’altra intuizione di Raspadori. Nel finale di primo tempo Mancini deve spendere il primo cambio obbligato. Tonali, dopo un duello aereo, ricade male e viene portato fuori in barella. Al suo posto c’è spazio per Ricci. Nel giro di dieci minuti, in avvio di ripresa, il conto dei legni sale a quattro. Al 52′ Grifo colpisce la traversa dopo un bel dribbling. Lo imitano Uzuni (54′) e Bajrami (62′). Ma è decisivo anche Bonucci con un salvataggio sulla linea sul tiro successivo di Lenjani. Al 64′ c’è il tris azzurro: Raspadori dalla destra scarica per Grifo che ha tutto il tempo per controllare e spedire il pallone all’angolino per il definitivo 3-1. Ad impreziosire la vittoria anche il ritorno di Chiesa e il debutto del 2006 Pafundi.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).