20 Ottobre 2020
In primo piano ADVISOR

Elezioni Enasarco, il TAR le rimette in stallo. Aiuti economici straordinari sempre più lontani

Il TAR si pronuncia favorevolmente sulla richiesta di sospensiva cautelare presentata dai vertici di Enasarco e relativa allo svolgimento delle elezioni entro Luglio. Elezioni probabilmente a cavallo tra Settembre e Ottobre, ma rimane il fatto che la governance della Cassa, nei fatti, non ha saputo esprimere la sua funzione di mutuo soccorso nel momento più buio della vita dei propri iscritti. Sui social (e non solo) montano le proteste della base.

Le novità in casa Enasarco ormai non si contano più, ed è persino difficile riuscire a stare dietro alle notizie che si susseguono giorno per giorno. Contestualmente, la base elettorale degli iscritti alla Cassa comincia a mostrare evidenti segni di esasperazione, espressa sui social ma anche a mezzo di iniziative di protesta in piazza programmate per l’autunno (come quella dei c.d. silenti).

Per meglio comprendere gli sviluppi più recenti – davvero ingarbugliati – bisogna seguire a ritroso un percorso fatto di decisioni, diffide e ricorsi in cui sono entrati, a vario titolo, anche diversi organismi istituzionali e ministeri della Repubblica. In estrema sintesi, lo scorso 15 Giugno, dopo una lunga querelle nata sulla  scorta della decisione di Enasarco di sospendere e rinviare le elezioni previste per lo scorso 17-30 Aprile, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali aveva intimato alla fondazione Enasarco di avviare a Luglio le elezioni per il rinnovo degli organi associativi, e di completarle entro il 10 agosto.  

Enasarco impugnava la missiva dei ministeri e si rivolgeva al TAR, chiedendo, in attesa del giudizio di merito previsto per il 4 agosto, la sospensiva del provvedimento proprio sui tempi di svolgimento delle elezioni che erano stati imposti dai ministeri vigilanti (l’ultimo diktat era per il 31 Luglio). Il TAR del Lazio ha accolto cautelativamente la richiesta di sospensiva, riconoscendo che l’ingiunzione ministeriale avrebbe potuto determinare ricorsi e possibili danni erariali, ma rimane ferma la data del 4 Agosto per la trattazione collegiale dell’udienza di merito.

Nel frattempo, il vertice di Enasarco ha già convocato per il 21 luglio un consiglio di amministrazione straordinario per discutere la ripresa dell’iter elettorale, “disarmando” così i ministeri e, probabilmente, la loro volontà di commissariare la Cassa. Ma per quanto adesso i vigilanti siano quasi costretti ad attendere lo sviluppo degli eventi, sussistono ragioni di estrema gravità (e opportunità) che dovrebbero indirizzare la maggioranza di Enasarco a non fissare una data troppo al di là nel tempo. Infatti, pare che le date di indizione delle elezioni per il rinnovo delle cariche nell’Assemblea dei Delegati potrebbero essere quelle comprese tra il 24 settembre e il 7 ottobre 2020, e questo– per ragioni di opportunità – significherebbe procrastinare di altri tre mesi la possibilità di emanare ulteriori atti di natura non ordinaria come quelli relativi agli aiuti economici straordinari per gli iscritti, che in regime di prorogatio – sebbene, come vedremo, i vertici di Enasarco abbiano una opinione opposta sull’argomento – è più prudente non adottare per non incorrere in una eventuale responsabilità erariale.

In particolare, ci si chiede che fine farà l’anticipazione sul FIRR (che P&F è stata la prima a sollecitare già a Marzo, quando non ne parlava nessuno), strumento economico di emergenza e di grande efficacia che si sarebbe dovuto adottare già almeno tre mesi fa. Sul tema, ANASF è intervenuta di recente affermando che il rinvio sine die delle elezioni disposto dalla maggioranza di Enasarco ha determinato il c.d. regime di prorogatio, durante il quale è possibile deliberare soltanto atti di ordinaria amministrazione. Pertanto, la stessa decisione di concedere l’anticipazione sul FIRR agli agenti in difficoltà economica post Covid – per la quale la coalizione a cui ANASF aderisce ha espresso voto contrario – è un atto di straordinaria amministrazione che l’Ente non avrebbe dovuto adottare; tanto è vero che, per essere pienamente operativo, è stato necessario sottoporlo all’approvazione dei ministeri competenti (che hanno già espresso formalmente all’Ente l’illegittimità degli atti deliberati). 

L’accusa ulteriore, neanche tanto velata, è che la tardiva delibera sul FIRR votata dalla maggioranza sia stata una mossa di natura squisitamente politico-elettorale, che peraltro prevede solo l’anticipo del 10% del Fondo Indennità Risoluzione Rapporto, operativa peraltro tra qualche mese (Dicembre o giù di lì). Inoltre, l’erogazione del restante 20% avverrebbe il prossimo anno, e solo a seguito di una valutazione di sostenibilità economica e finanziaria della Cassa e di apposite delibere.

A queste dichiarazioni di ANASF, il vertice di Enasarco replicava che il consiglio di amministrazione non opera affatto in regime di prorogatio, dal momento che, per essa, vale la proroga ai sensi dell’art. 2385, comma 2, del Codice Civile (“La cessazione degli amministratori per scadenza del termine ha effetto dal momento in cui il consiglio di amministrazione e’ stato ricostituito”), prevista espressamente nello Statuto in virtù della personalità giuridica di diritto privato riconosciuta dalla legge. Pertanto, ad Enasarco non si applicherebbe il regime della prorogatio degli enti pubblici, per i quali durante quel periodo è possibile compiere solo gli atti di ordinaria amministrazione.

Al di là delle diatribe tra opposte fazioni, una cosa è certa per tutti: la Governance della Cassa non ha saputo esprimere, in un momento gravissimo per i suoi iscritti, la sua funzione di “mutuo soccorso” per la quale, in un tempo lontano, è nata e si è sviluppata a tutela di una vasta categoria di lavoratori. Relativamente all’anticipazione del FIRR, le circostanze gravissime in cui ci si trovava non avrebbero dovuto lasciare alcuno spazio alle polemiche o alle paure (di future azioni di responsabilità, probabilmente), ma solo ai fatti.

E’ mancato il coraggio, e persino lo Stato, che non ha mai brillato in efficienza, ha superato di slancio il carrozzone Enasarco nell’erogazione di aiuti straordinari. Questo avrà un peso in occasione della prossima tornata elettorale, che al momento appare segnata da un inevitabile cambio di regia.

Related Posts

Lascia un commento